White Noise Non ascoltate Vk



Sulle orme di The Ring i morti e i non morti ci parlano dai televisori, eletti a interfaccia fra l'aldiqua e l'aldila'. L'architetto Jonathan Rivers (Michael Keaton) perde la moglie (Chandra West), scrittrice famosa, in circostanze non chiare. La sua vita e' distrutta, non ci puo' credere. Improvvisamente incontra un uomo che gli dice di riuscire a comunicare con le persone decedute (attraverso l'EVP, l'Electronic Voice Phenomena) e che recentemente e' riuscito a mettersi in contatto con la signora Rivers. Da quel momento Jonathan vede una luce e si immerge in una realta' parallela attraverso la televisione (e la radio) trait d'union che lo fanno parlare con l'amata. Ma fra i morti non c'e' solo il bene. Se avesse voluto essere coerente con il film la produzione avrebbe dovuto girare White noise senza alcun ausilio digitale. Si' perché il lungometraggio di Geoffrey Sax e' il trionfo dell' "analogico". Si vedono videocassette, audiocassette e perfino testine a tamburo di videoregistratori. Continua a leggere !





Nowvideo



Top Commenti
comments powered by Disqus