4:44 Last Day On Earth



Troppo tardi e troppo poco perché la fine del mondo si potesse fermare. E cosi', come da peggiori profezie eco-apocalittiche, alle 4:44 di un giorno X tutto avra' fine, per una coppia di amanti come per l'umanita' intera. "Al Gore was right". Una profezia recepita tardivamente quella apocalittica del quasi-presidente degli Stati Uniti d'America, sorta di santone che, insieme al Dalai Lama e alle sue riflessioni sull'umanita', ricorre in loop come coro morale del film di Abel Ferrara. Un Ferrara quasi pacificato, quasi sereno di fronte all'apocalisse incombente. La sua tipica figura tormentata tra edonismo e desiderio di autodistruzione, senso di colpa e voglia di redenzione, si annulla nello smarrimento collettivo della comunita' umana, in balia di eventi di cui e' sfuggito il controllo. E con il tormento dell'individuo sparisce anche la dannazione, sostituita da una voglia di affetto e di composizione dei contrasti, di ultimo godimento dei semplici piaceri della vita, quelli a cui e' impossibile rinunciare fino all'ultimo respiro. Continua a leggere !





Nowvideo-Nowdownload-Rapidvideo-Terafile



Top Commenti
comments powered by Disqus